Medicina e tecnologia. Protesi 3D: gli organi creati con la stampante sono realtà

Protesi 3D: gli organi creati con la stampante sono realtà. Attraverso scansioni 3D è possibile riprodurre il modello tridimensionale di parti del corpo umano. All'ospedale Meyer di Firenze è stato ricostruito ex novo un orecchio a un bambino grazie a questo sistema. Il paziente, 13enne, è affetto da microtia, malformazione congenita rara che colpisce 5 bambini su 10.000, nel suo caso bilaterale, e porta a un'assenza di sviluppo dell'orecchio esterno, il padiglione auricolare. “Il chirurgo plastico partendo da cartilagini costali dello stesso bimbo ha dato ad esse la forma di orecchio grazie ai modelli stampati in 3D”, riferisce l’Ansa. Negli Stati Uniti, alla Carnagie Mellon University, un team di scienziati è riuscito a ricreare artificialmente tutte le parti di un cuore umano con un nuovo metodo di stampa 3D. La bioingegneria ha permesso di ricreare capillari e ventricoli fino all’architettura completa dell’organo.

10 centri d’avanguardia in Italia

In dieci centri italiani d’avanguardia già oggi i chirurghi sostituiscono vertebre e ginocchia con protesi che riproducono esattamente quelle del paziente. “E il futuro annuncia organi creati su misura per ognuno di noi. E stampati in laboratorio in poche ore- riferisce Donna Moderna-Poche ore per creare un organo. Non è una magia, ma quello che succede in alcuni centri di ricerca americani, dove vengono “prodotti” fegati, bronchi, ovaie e tessuti in materiali biocompatibili. Tutto questo grazie alla stampante 3D. Una tecnologia nata nel 1986 grazie a un ingegnere che strizzava l’occhio all’industria e che ora diventa alleata della salute per una medicina sempre più personalizzata ed efficace”. Negli Usa, il mercato del settore supera il miliardo di dollari, con una crescita annua del 30%, come sottolinea il rapporto SmarTech analysis. E anche nel nostro Paese siamo all’avanguardia. Sembra fantascienza, ma è già realtà. “In Italia, e siamo i primi in Europa, abbiamo appena redatto le Linee guida per l’utilizzo di questa tecnologia, che è già realtà in una decina di strutture”, spiega al settimanale Alice Ravizza, ingegnere medico e responsabile scientifico delle Linee guida.

Migliori possibilità di guarigione

“Le stampanti 3D nella maggior parte dei casi vengono utilizzate per la pianificazione chirurgica: si creano modelli anatomici di parti del paziente così il chirurgo li studia, simula l’intervento e si esercita in tagli e movimenti. È un lavoro d’équipe: c’è grande collaborazione tra radiologi che forniscono le immagini, ingegneri biomedici che realizzano il modello e chirurghi. Un’altra applicazione riguarda la creazione di vere protesi o di parti come vertebre, costruite su misure per la persona”. Un’idea che sembra fantascienza, ma che invece è già realtà: basta varcare le porte dell’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna dove lavora il dottor Alessandro Gasbarrini, direttore del reparto di Chirurgia vertebrale a indirizzo oncologico e degenerativo, e “papà” delle vertebre 3D in titanio. “Servono per la ricostruzione della colonna dopo la resezione vertebrale, ossia quando vengono asportate una o più vertebre per trattare un tumore. Per offrire al paziente le migliori possibilità di guarigione, in alcuni casi rimuoviamo l’intero tratto malato di colonna, che poi però dobbiamo ricostruire visto che fa da sostegno del tronco. È un intervento molto complesso: ogni operazione va adattata al singolo perché non esistono due tumori uguali. Allora, perché puntare ancora su protesi prodotte in serie? Quelle 3D sono davvero personalizzate. È come vestire un abito di sartoria, tagliato su misura. Finora le abbiamo usate su 23 persone e i risultati sono eccellenti”, racconta a Donna Moderna. La tecnologia viene offerta dal Sistema sanitario nazionale. Il paziente, in pratica, non paga nulla.

Software e intelligenza artificiale

Ma è un modello sostenibile?”, si chiede il settimanale. Solo la stampante costa dai 30.000 ai 100.000 euro, a cui si aggiunge il lavoro del team che realizza e usa le protesi» precisa l’ingegnere Ravizza. «Sono interventi molto costosi, tanto che gli ospedali cercano partnership con start up e centri di ricerca. Ma bisogna guardare il rapporto costi-benefici: si riducono fino a un terzo sia le ore in sala operatoria sia il ricovero del paziente. Quindi l’investimento si ripaga in fretta. Maurilio Marcacci, responsabile del Centro per la ricostruzione articolare del ginocchio dell’Irccs Humanitas di Milano ha impiantato la prima protesi al ginocchio interamente stampata in 3D. “Ha un costo leggermente superiore, ma è fatta con un metallo resistente, che dura molto di più. Soprattutto, è ricostruita seconde le misure del ginocchio del malato, quindi è unica e perfetta: non dà disturbi, il paziente si riprende prima e ritorna velocemente a una qualità della vita ottima. Prima di entrare in sala operatoria, noi ci affidiamo anche all’intelligenza artificiale, un software che prepara l’intervento in ogni dettaglio. Il domani è questo”, dichiara a Donna Moderna. A proposito di futuro, le novità sono parecchie. Una delle direzioni verso cui la medicina si sta muovendo è quella delle ricostruzioni completamente biologiche, che utilizzano come materiale il tessuto osseo animale e umano.

Fonte: www.interris.it

I commenti sono chiusi