L’Università di Malta

L'Università di Malta (in inglese University of Malta, in maltese L-Università ta' Malta, in latino Universitas Melitensis) è il più importante ente pubblico di istruzione della Repubblica di Malta e ha sede a Msida. È membro dell'Associazione delle Università del Commonwealth.[1]

Storia

L'ateneo ha origine dal Collegium Melitense fondato dall'Ordine dei Gesuiti nel 1592,[1] quando Malta era vassalla del Regno delle Due Sicilie. Il Gran Maestro Manuel Pinto de Fonseca rilevò il collegio nel 1769, elevandolo al grado di Università e affidandone l'organizzazione, nel 1771, a Roberto Costaguti, teologo italiano, frate dell'Ordine dei Servi di Maria, il quale provvide a predisporre le prime costituzioni dell'Università.

Durante la breve occupazione napoleonica iniziata nel 1798, l'ateneo fu chiamato École Polytechnique. La precedente denominazione fu ristabilita in concomitanza dell'arrivo dei Britannici nel 1800. Nel 1938 ha ricevuto il titolo di reale da re Giorgio VI, diventando The Royal University of Malta. L'aggettivo è stato tolto nel 1974, quando Malta è divenuta una repubblica.

Fino al 1936 l'insegnamento è avvenuto in italiano, dal 1936 al 1964 soltanto in inglese, e dal 1964 sia in inglese che in maltese. Attualmente, nell'università è presente un corso di italianistica.

La vecchia sede dell'università era in St. Pauls Street a La Valletta, mentre oggi è in University Ring Road a Msida; la scuola di medicina ha sede nell'ex St Luke's Hospital a Guardamangia, frazione di Pietà.

Facoltà

Per ulteriori informazioni contattaci

Fonte: Wikipedia